Perchè bisogna lavarsi i denti

Perchè bisogna lavarsi i denti?

 

La pulizia e le attenzioni che noi dobbiamo dedicare a tutto il cavo orale ed ai denti in particolare devono indurci a conoscere l’uso degli strumenti studiati a tale scopo. La pulizia dei denti ed il massaggio delle gengive eseguiti secondo una tecnica razionale sono importanti almeno quanto qualsiasi altra quotidiana igiene corporale. Il nostro scopo però non deve essere quello della ricerca del bianco immacolato perché i denti, cosí come la pelle e i capelli, hanno un colore naturale variabile da individuo a individuo.

Perché bisogna lavarsi i denti?

Scopo fondamentale è l’allontanamento della pellicola microbica e dei residui alimentari rimasti fra i denti e sulle gengive. Inoltre per mezzo del massaggio gengivale eviteremo la stasi sanguigna che facilmente va determinandosi sugli orletti. Quindi azione preventiva contro la carie e la paradentosi. La carie è una malattia insidiosa a rapida evoluzione e qualche volta del tutto indolore per lungo tempo; sue localizzazioni preferite sono i solchi, gli spazi interdentali, il colletto dei denti cioè quelle zone in cui stagnano i detriti alimentari e si formano facilmente gli acidi che intaccano lo smalto. Perciò lo spazzolino non deve essere usato soltanto per i denti visibili dagli altri, ma, e soprattutto, per i posteriori. Elementi che concorrono ad una perfetta igiene dentale: lo spazzolino, il dentifricio e l’azione di spazzolatura; visita periodica dallo specialista. La masticazione di alimenti cotti e molli non abbisogna dell’impiego di grandi forze e ciò favorisce una certa stasi sanguigna nella fibromucosa e mucosa gengivale, cosí che si ha la formazione di un deposito biancastro costituito da detriti alimentari rammolliti. Ciò che non facciamo più con la masticazione dobbiamo farlo con un massaggio artificiale. Lo spazzolino serve a questo scopo, oltre che per la pulizia.

Lo spazzolino da denti

Affinché la pulizia sia veramente efficace le setole dello spazzolino devono essere sufficientemente dure e nello stesso tempo flessibili e riunite a ciuffi per abbracciare bene tutte le superfici dentali e interdentali. Poiché l’umidità tende a rammollirne le setole, è consigliabile l’uso di due spazzolini da usare alternativamente in modo da avere a disposizione sempre quello con setole secche. L’ideale sarebbe poter usare lo spazzolino dopo ogni pasto per eliminare immediatamente i residui alimentari, ma poiché talvolta ciò è impossibile, dovrà essere nostra cura spazzolarci bene i denti almeno alla sera proprio per evitare che zuccheri, acidi, albumina, formino una fermentazione abbondante durante la notte. Una particolare attenzione va posta nella scelta del dentifricio il quale non deve essere costituito da sostanze acide e polveri grossolane che col tempo, per il loro potere abrasivo, intaccano lo smalto favorendo cosí l’instaurarsi della carie. Per i dentifrici, come per gli spazzolini, non c’è che l’imbarazzo della scelta: consigliamo di scegliere fra quelli fabbricati da serie case farmaceutiche.

Tecnica dell’uso dello spazzolino

Bagnare lo spazzolino con acqua fredda e non tiepida (questo perché servirà a metterci sull’avviso dell’eventuale presenza di una sia pur iniziale formazione cariosa, sensibile al freddo), applicarvi uno strato di dentifricio e fare, per i denti del mascellare superiore, i seguenti movimenti: verticalmente dall’alto verso il basso (in pratica dalla gengiva al bordo libero dei denti) per le superfici anteriore e palatina; per le superfici trituranti invece il movimento deve essere orizzontale dall’indietro in avanti e viceversa. Per i denti del mascellare inferiore i movimenti sono: sempre verticale ma questa volta dal basso in alto, cioè dalla gengiva al bordo libero dei denti anteriori. Superfici trituranti: movimento orizzontale dall’avanti all’indietro e dall’indietro in avanti. In tal modo lo spazzolino entrerà in contatto con tutti gli spazi interdentali, colletti e solchi.

About the author

Michelle

View all posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *