Gruppo Mapei investe in Turchia

Mapei, il colosso dei prodotti chimici per l’edilizia arriva in Turchia

Mapei Yapi kimyasallari A.S., la consociata turca del gruppo Mapei, è nata nel 2013 con l’acquisizione della società Wallmerk Construction Chemicals. Come molte altre aziende italiane (oltre 1000 nel 2013), il gruppo Mapei ha deciso di essere presente in Turchia per sfruttare al massimo le oppportunità offerte da un mercato in forte espansione.

Perchè il gruppo Mapei investe in Turchia?

Le prospettive dell’economia turca e del mercato locale delle costruzioni erano infatti molto incoraggianti; in base agli ultimi dati diffusi ad aprire dal Fondo Monetario Internazionale, si attende una crescita sostenuta dell’economia, con il PIL che dovrebbe aumentare constantemente fino a raggiungere nel 2017 il + 3,6%. Il Fondo Monetario Internazionale stima una graduale riduzione del tasso di inflazione che il prossimo anno potrebbe attestarsi sul 6,5 %, mentre il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere elevato, di poco inferiore al 12%.

La Turchia è inoltre il settimo paese al mondo per consumo di piastrelle, con volumi addirittura superiori a quelli degli stati uniti. Il mercato della ceramica in Turchia è il più grande d’Europa: Confindustria Ceramica stima che nel 2015 i consumi siano cresciuti del 5,4%, raggiungendo una dimensione stimata di oltre 238 milioni di metri quadri. Il buon andamento atteso per l’economia e per il mercato abitativo dovrebbero sostenere lo sviluppo per il consumo di piastrelle, attesi in crescita di oltre il 4% sia nell’anno in corso che nel 2017. Inoltre, la Turchia si rivela un colosso anche per produzione ed export; nel 2015 sono state prodotte piastrelle ceramiche per 349 milioni di metri quadri, mentre le esportazioni si sono attestate su 86 milioni di metri quadri.

Isolamento termico e molto altro

L’acquisizione in terra turca ha assicurato al Gruppo Marpei uno stabilimento nell’area industriale Polati Industrial Park, nella località di Polati,  centro industriale strategico per tutto il paese nelle vicinanze della capitale Ankara.

Mapei dispone inoltre di uffici centrali ad Ankara e di un branch office a Instambul, altra zona nevralgica della Turchia. L’unità produttiva di Mapei si estende su una superficie di 23 mila metri quadri con circa 5000 metri quadri di spazi coperti. La struttura dispone anche di laboratori di Controlli Qualità che effettuano test su materiali sia liquidi che solidi. La capacità produttiva dello stabilimento è pari a 78.850 tonnellate di prodotti in polvere e 2.200 tonnellate di prodotti liquidi e di finiture. Qui vengono realizzate molte soluzioni Mapei, in primo luogo i materiali per l’isolamento termico a cappotto e le relative finiture per la facciata, conosciuti comunemente come Etics.

Questi costituiscono il core business dell’Azienda contribuendo per ben il 50% alle vendite totali, poichè il mercato turco è caratterizzato da un elevato numero di interventi di riqualificazione di edifici residenziali, soprattutto nelle grandi città. A questi materiali si affiancano i prodotti Mapei per la linea edilizia (molte per ancoraggi, molte speciali, impermealizzanti), le soluzioni per la posa di piastrelle (adesivi, fregature, ecc.) e le pitture per interni ed esterni.

Grazie a questa offerta, la giovane consociata turca, che nel 2012 ha superato i 10 milioni di euro di fatturato, intende raggiungere i 12 milioni di vendite nel 2016. Conta di farlo anche attraverso l’ampliamento della produzione e delle strutture locali: in questo momento è in costruzione un nuovo deposito che consentirà un migliore stoccaggio di prodotti e materiali, portando la superficie coperta dello stabilimento da 5000 metri quadri a 8000 metri quadri. In due anni, Mapei si è fatta onore sul mercato turco, portando avanti un preciso percorso di crescita con l’obiettivo, dichiarato a Veronica Squinzi Responsabile Internazionalizzazione e Sviluppo del Gruppo, di diventare un attore importante nel mondo dell’edilizia turco grazie a prodotti tecnologicamente all’avanguardia e a una forte e costante attenzione verso l’ambiente. L’andamento delle vendite è sicuramente positivo per Mapei In Turchia e il personale è già passato dai 56 dipendenti del 2012 ai 100 di oggi. Segno anche questo che attività della consociata turca sono in espansione e che Mapei ha davanti un futuro promettente nel Paese della Mezzaluna.

Per maggiori informazioni si consulti il sito ufficiale di Gruppo Mapei

About the author

Michelle

View all posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *