Come installare Google Assistant

Come installare Google Assistant

Assistant è l’assistente personale intelligente che Big G ha integrato nei nuovi smartphone Google Pixel. Si tratta di un’estensione di Google Now che non si limita a semplici comandi vocali, ma offre un’interazione tra utente e telefonino molto più avanzata, un po’ come fanno Siri su iOS e Cortana sui dispositivi Windows.

Installare Google Assistant

In pratica, puoi chiedere a Google Assistant un po’ di tutto, come trovare un posto specifico, controllare lo stato di un volo, creare un promemoria e molto altro ancora. L’assistente personale intelligente, al momento, può essere utilizzato solo sui nuovi dispositivi Google Pixel ed è compatibile soltanto con la lingua inglese e tedesca. Abbiamo scovato un modo per installarlo su qualsiasi dispositivo Android 7.0 Nougat. Ecco come procedere.

  • Prima di tutto i driver

Per prima cosa scarichiamo i driver USB per il nostro dispositivo e installiamoli sul PC (nel caso dei driver di Google si possono scaricare da www.winmagazine.it/link/3749). In seguito scarichiamo e installiamo I’ADB, Fastboot and Drivers da www.winmagazine.it/linW3750.

  • Diventiamo sviluppatori

Spostiamoci sul dispositivo Android, entriamo in Impostazioni/Info sul telefono e tocchiamo ripetutamente su Numero build fino ad abilitare le opzioni sviluppatore. Da Opzioni sviluppatore abilitiamo Sblocco OEM, che servirà per sbloccare il bootloader, e Debug USB.

  • Riavviamo nel bootloader

Colleghiamo il dispositivo al PC col cavo USB. Dalla cartella adb in C: clicchiamo col destro in un area bianca tenendo premuto il tasto Shifte scegliamo Apri finestra di comando qui. Digitiamo adb reboot bootloader e diamo Invio. Il dispositivo sarà avviato nel bootloader.

  •  Un device da sbloccare

Digitiamo il comando fastboot devies e premiamo Invio. Digitiamo fastboot oem unlock e premiamo nuovamente Invio. Questo permetterà lo sblocco del Bootloader e cancellerà tutti i file presenti sul dispositivo. Non resta che riavviare col comando fastboot reboot.

  • Procuriamoci la recovery…

Scarichiamo l’ultima versione di TWRP per il nostro dispositivo da https://dl.twrp.me e salviamo il file .img in C./adb. Scarichiamo quindi l’ultima versione di SuperSU da www.supersu.com. Si tratta di un file compresso che dovremo copiare nella memoria del nostro dispositivo.

  • … e installiamola!

Andiamo quindi di nuovo nella cartella C:/adb, apriamo una finestra del Prompt dei comandi e riavviamo il dispositivo nella modalità Bootloadercol comando adb reboot bootloader A questo punto digitiamo il comando fastboot flash recovery seguito dal nome del file della twrp e premiamo Invio.

  • Adesso tocca al root

Avviamo il dispositivo nella recovery TWRP. Per farlo, da spento, premiamo contemporaneamente i tasti volume giù+accensione, con i tasti volume scegliamo Recovery mode e premiamo il tasto di accensione. Tocchiamo lnstall e installiamo il file del pacchetto SuperSU copiato precedentemente.

  • I file dell’inganno

Andiamo su www.winmagazine.itAink/3751 e clicchiamo su Download per essere reindirizzati a una pagina da cui scaricare i tre file GoogleAssistantVelvetzip, GoogleAssistantBu-ildProp.zip e tweak.prop. Una volta scaricati, copiamoli nella memoria del nostro dispositivo.

  • Modifichiamo la lingua

Al momento Google Assistant non è disponibile in Italiano. Per usarlo dovremo cambiare la lingua al nostro dispositivo: da Impostazioni selezioniamo Inglese. Possiamo avviare il nostro assistente personale pronunciando Ok Google o tenendo premuto il tasto Home.

  • Un primo controllo

Sarà ora sufficiente riavviare il dispositivo per ritrovarselo con  i permessi di root abilitati. Per verificare se la procedura è stata eseguita correttamente, possiamo installare dal Play Store l’app Root Checker che serve appunto a verificare che il dispositivo sia rootato.

  • Come un vero Pixel

Copiato i file nella memoria, riavviamo il dispositivo nella recovery ‘TWRP. Tocchiamo Installa e flashiamo prima il file GoogleAssistantVelvet.zip. Flashiamo quindi il file Google-AssistantBuildProp.zip. Al termine cancelliamo la cache e riavviamo il telefonino.

  • Ecco l’assistente di Google!

Al primo avvio dovremo configurare Assistant fornendo alcuni permessi. A questo punto potremo iniziare a interagire col nostro nuovo assistente parlando in inglese. Potremo chiedergli di tutto: lui apprenderà col tempo e darà risposte sempre più vicine a quello che ci interessa.

About the author

Michelle

View all posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *